WET 2013

Un nome di un campo un perchè. Oddio non è il vero nome del campo, è solo lo SLUG che si usa in ufficio ma devo dire che è azzeccato per il periodo. Iniziamo da quando ci siamo lasciati. Kasia è quiii! in Italia a fare la ragazza alla pari ad Alba, abita in un appartamento paura in centro ad Alba, mantenuta da una famiglia coi sordi, per ora sembra andare bene. Vediamo se riesco a vederla ogni week end, sarebbe proprio il massimo.

Intanto il tempo qua è diventato pieno autunno, nebbia costante per una settimana, freschino e inizio del primo campo. Finalmente si inizia a fare qualcosa di un po’ attivo anche in ufficio. Per il resto, mi sento ancora molto ignorante in materia, sono l’ apprendista di Vale che si fa in 45 per tirare avanti il tutto. Il GR è responsive come un tema predefinito WordPress 2013, anche le piccole emergenze son state risolte velocemente.

Io mi impanico un po per il pericolo infiltrazioni in camera. Ana mi ha un po’ imparanoiato about it e ora ogni volta che piove stacco tutto ciò che ho di elettrico in camera. Devo anche ridurre i tempi liberi passati al pc e magari dedicarmi a qualcosa di più “umano”, per esempio iniziare ad allenarmi a calcetto. O suonare.

Oggi ultimo giorno di campo, primo giorno di panini per il campo dopo serata al Papagiù, almeno è spuntato il sole.

Scoperte del campo: Noemi C. che è piccola ma s’è subito buttata sul BS senza fiatare ed è sopravvissuta per il we. Jarre dovrebbe fare il Residente ma non ha fegato per affrontare la cosa.  Comincio ad abituarmi al clima, non sento più il freddo in salone e comincio a sentire “caldo” se si accende il riscaldamento..brr..

Comincio a vedere le staff e campisti dal punto di vista dei residenti, comincio a sentire le richieste più assurde e vedere i comportamenti più strani delle persone che vengono a fare i campi. DAFAQ

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.