Polonia 2014

Cosa c’è di meglio per staccare dalla vita agapina se non andare in vacanza? Con Kasia siamo partiti il 10 gennaio di corsa per andare nella fredda Polonia: tutte balle, faceva più caldo che da noi. Primo giorno, festa da Ula, come non poteva essere diverso. Krupnik a volontà e PieroGorgi a canna. Davvero un buon inizio, a parte il mio raffreddore.

Ci fermiamo poco in quella che è la big city, giusto il tempo di fare due pranzetti in giro e vivere la nostalgia di casa. Poi partiamo alla volta di

Bolesławiec

Bolesławiec (in tedescoBunzlau) è una città della Polonia sudoccidentale avente 40.384 abitanti (2008). Situata dal 1999 nelvoivodato della Bassa Slesia, faceva prima parte del voivodato di Jelenia Góra, esistito dal 1975 al 1998. È il capoluogo deldistretto di Bolesławiec.

città natale della mia polacca preferita. Qui ci accolgono i genitori e la famiglia, con pranzi e bevute allegre tutti insieme. Le giornate sono molto relax, usufruiamo di tutti i servizi che questa ridente cittadina ci può offrire: la piscina comunale bellissimaaaa, mai stato in piscina più completa e bella pagando 3 euro l’ingresso..

Comunicare in casa è difficile ma si fanno progressi. Dopo una settimana ero quasi in grado di capire la nonna, anche se con gran difficoltà nell’instaurare il dialogo in quanto poca fiducia nel mio polacco.. Il ritorno alla neve è traumatico ma in fondo, mi mancava stare ad Agape. Ultima foto cibo polacco scoperta di questo viaggio: gnocchi enormi con arrosto. SBAM!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.